Lo stress, nemico dell’intestino Patologie Gastrointestinali

Studi recenti hanno dimostrato come lo stress possa influire negativamente sull’organismo e il particolare sull’intestino.

Gli effetti dello stress sulla salute

Alti livelli di stress possono essere a lungo termine dannosi per la salute ed esercitare effetti negativi sulla memoria, sull’efficienza mentale e sulle funzioni cognitive. Ciò può incidere negativamente anche sul sistema cardiovascolare e immunitario, nonché’ sul sistema gastrointestinale. L’intestino, infatti, è particolarmente sensibile allo stress, che può alterarne, anche profondamente, la flora batterica.

 

L’intestino, il nostro secondo cervello

Secondo recenti teorie e studi scientifici, tra intestino e cervello esiste una stretta connessione perché l’intestino è dotato di una fittissima rete di neuroni che regolano le attività intestinali, collegati al cervello tramite il sistema nervoso vegetativo (ovvero l’insieme di cellule e fibre che innervano gli organi interni e le ghiandole, controllando quelle funzioni che generalmente sono al di fuori del controllo volontario).

Le cellule nervose presenti nella parete intestinale sono così numerose che si parla ormai di un vero e proprio “secondo cervello”, in grado di processare informazioni e reagire in modo autonomo agli stimoli dell’ambiente circostante.

 

L’intestino risponde in modo diretto allo stress

Le emozioni negative e l’eccesso di sollecitazioni di una vita stressante, dunque, non vengono percepite soltanto dalla testa, ma anche dalla pancia, provocando possibili alterazioni della motilità intestinale. Uno dei primi bersagli ad essere coinvolti nella reazione autonoma dell’intestino allo stress è infatti proprio la flora intestinale, con conseguenze negative sul corretto funzionamento dell’intestino e, più in generale, dell’organismo.

 

Flora batterica intestinale, la nostra protezione

La flora batterica intestinale è costituita da un insieme di batteri in equilibrio fra loro che proteggono e difendono l’intestino, garantendone le regolari funzionalità. Quando questo equilibrio viene intaccato, si parla di disbiosi intestinale. Negli stati di disbiosi si possono presentare infiammazioni, gonfiori, stitichezza, ed anche colite, diarrea e riduzione delle difese immunitarie che, a sua volta, può mettere in pericolo l’organismo nel suo insieme.

 

In queste circostanze può dimostrarsi utile l’assunzione di probiotici, microorganismi benefici in grado di ristabilire la flora batterica intestinale.

Centro Preferenze Privacy

GDPR

Cookie collegati al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questi cookies tengono traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allow_cookies],gdpr[consent_typ]

GOOGLE

Google.
Sono cookies necessari per conoscere le statistiche di accesso al sito e gestire la promozione commerciale sulla rete di ricerca e banner di google.

_ga: cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata se non cancellato manualmente: 26 mesi

_gid: cookie che consente di distinguere gli utenti
Durata se non cancellato manualmente: 24 ore

_gat: cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito. Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

_ga,_gid,_gat

LOCAL STORAGE

Cookie Local Storage per memorizzare dati della sessione di navigazione sul computer dell'utente per velocizzare la navigazione. I dati vengono eliminati al termine della sessione.

Local Storage

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?