shutterstock_236885392
I probiotici, elementi preziosi per i bambini In Pediatria

Sono sempre più numerosi gli studi scientifici che rivelano l’importanza dell’azione dei probiotici anche in età pediatrica. Questi microrganismi, infatti, facilitano l’assorbimento delle sostanze nutritive fondamentali nella crescita e forniscono un aiuto prezioso nella prevenzione e nella cura di disturbi comuni dell’infanzia, come la diarrea (virale e da antibiotici) e la colite.

Probiotici: cosa sono?

La microflora intestinale è generalmente composta da milioni di batteri. Di questi, la maggior parte vive stabilmente nel nostro tratto gastrointestinale mentre, una piccola parte, è composta da batteri con cui veniamo in contatto quotidianamente (ad esempio tramite il cibo) e che abitano il nostro intestino per un arco di tempo più o meno lungo. Solitamente i batteri residenti e quelli “transienti” vivono in equilibrio fra di loro. Il mantenimento di questo equilibrio è molto importante per la salute dell’organismo, e un valido aiuto in tal senso è rappresentato dai “probiotici“.
I probiotici sono batteri in grado di integrarsi a quelli già presenti nel nostro intestino, andando così a rafforzare la flora batterica normalmente esistente. Secondo la definizione del Ministero della Salute, questi microrganismi – se ingeriti in quantità adeguate – possono esercitare azioni benefiche per l’organismo.

 

A cosa servono i probiotici?

La flora batterica intestinale ha un ruolo cruciale per il benessere: stimola, infatti, l’attività del sistema immunitario, permette l’assorbimento delle sostanze nutritive contenute negli alimenti che ingeriamo, aiuta a produrre componenti vitaminiche importanti e a degradare le tossine, ed è responsabile della regolarità dell’intestino. Per tutte queste ragioni, mantenere l’equilibrio della flora intestinale è fondamentale: non solo aiuta a prevenire l’insorgenza di fastidiosi disturbi come gonfiore, stitichezza, diarrea e dolore addominale, ma anche a proteggere la nostra salute e il corretto svolgimento di funzioni vitali dell’organismo.

 

Perché i probiotici sono importanti nei bambini?

L’intestino dei bambini è più vulnerabile all’attacco di virus e batteri nocivi, perché i loro sistemi di difesa non sono ancora completamente maturi. La flora batterica, per di più, non ha ancora compiuto la sua formazione e ciò, come evidenziano alcuni studi, può comportare gonfiore e causare disturbi come il DAR (Dolore Addominale Ricorrente), una sindrome diffusa nei bambini e che spesso si protrae fino all’inizio dell’adolescenza. Inoltre, recenti ricerche italiane e internazionali hanno dimostrato che la flora batterica gioca un ruolo importante anche nell’insorgenza delle colichette gassose dei neonati.

Probiotici: quale scegliere?

I probiotici, oltre ad essere contenuti in alcuni alimenti (come ad esempio yogurt, formaggi freschi, latti fermentati), sono anche presenti sul mercato come integratori alimentari che contengono batteri vivi. E’ importante saperli scegliere correttamente, perché i batteri utilizzati come probiotici non sono tutti uguali e non hanno tutti la medesima efficacia.
E’ importante, ad esempio, che contengano più ceppi batterici differenti: in questo modo si ha la certezza di integrare la flora intestinale con i microorganismi mancanti. Le preparazioni multiceppo, vale a dire costituite da ceppi batterici diversi della stessa specie o di specie simili, si sono rivelate maggiormente efficaci di quelle costituite da un solo ceppo batterico.